Regione Toscana

Nido d'Infanzia Comunale "l'Aquilone"

Ultima modifica 2 febbraio 2018

Nido d'Infanzia "l'Aquilone"
Via Renato Fucini, 95, San Frediano a Settimo
tel. 050 742641

Il Nido d’Infanzia Comunale “L’Aquilone”, situato nella frazione di San Frediano a Settimo, è un servizio educativo che accoglie 42 bambini/e di età compresa tra i 9 e i 36 mesi suddividendoli in due gruppi misti di età non omogenea, composti ciascuno da 21 bambini/e. Il funzionamento ordinario del Nido è assicurato da:

  • 7 educatrici
  • 2 operatrici
  • una cuoca ed un aiuto cuoca. 

L’orario di apertura del Nido è compreso tra le 7.30 e le 14.30 dal lunedì al venerdì a partire dalla seconda settimana del mese di Settembre fino al 30 Giugno, con sospensione per le festività natalizie e pasquali 

Nella progettazione pedagogica del Nido l’organizzazione dello spazio è curata particolarmente e si connota per essere la prima risposta per assecondare i bisogni del bambino/a ed accompagnarlo nella sua crescita verso l’autonomia,i bambini/e ,nel loro apprendere e nello strutturare la conoscenza, fanno continuamente ricerca su ciò che li circonda. Il Nido è un sistema relazionale in cui i bambini non sono solo iniziati ad una cultura, ma devono avere la possibilità di produrre e creare cultura,in un contesto di vita che viene continuamente modificato da fatti,eventi, storie personali e relazioni, lo spazio deve favorire e coniugare queste storie, questi eventi,sostenendo ciascun bambino/a. 

Il Nido si articola prevalentemente in spazi strutturati stabilmente: arredi, materiali, oggetti e “architetture” dettate da una progettazione nella quale il rapporto tra ciò che è fisso e ciò che è variabile si modula alternandosi, nel bambino/a, al bisogno di sicurezza e di apertura al cambiamento. Gli spazi e gli angoli sono strutturati in modo tale da permettere ai bambini, anche ai più piccoli, di orientarsi di volta in volta in percorsi di gioco cui dedicarsi da soli, con i compagni o insieme all’adulto. 
L’ambiente è articolato e suddiviso in spazi destinati alle diverse attività ed è costituito da:

  • spazio d’ingresso e di uscita: inteso come zona centrale e di raccordo del Nido; in questo luogo sono presenti punti di forte identificazione per i bambini (come gli armadietti dei cappotti contrassegnati da una foto personale) e punti di riferimento importanti per i genitori (come il salottino ed i pannelli delle informazioni). 
    sezioni: sono articolate in angoli ricchi di materiale e stimoli, organizzati per consentire sia situazioni di gioco libero sia di gioco strutturato. 
    laboratorio del colore e della manipolazione: è uno spazio organizzato in modo da favorire l’iniziativa dei bambini e il loro desiderio di “fare”.
  • spazio del pranzo
  • spazio del sonno
  • giardino
  • spazio degli adulti: è un luogo destinato al lavoro di documentazione, programmazione e aggiornamento. 

La partecipazione delle famiglie al nido non è un elemento accessorio, ma fondante nella progettazione di un servizio educativo. Il progetto scaturisce dall’idea di ricercare diverse modalità e luoghi comunicativi tra scuola e famiglia e dalla necessità di arricchire di significati nuovi gli incontri tradizionali tra educatrici e genitori. L’esperienza del "Laboratorio degli adulti" rappresenta una modalità di incontro non formale, ma attentamente organizzata per offrire la possibilità di progettare e realizzare insieme progetti, giochi e spazi educativi: una sorta di compartecipazione dell’evento educativo, che ne rende più trasparenti e condivisi i significati e contenuti.

Il laboratorio di quest’anno prevede l’elaborazione di un progetto, articolato in varie esperienze, e sviluppato attorno alla storia dell’orsetto Piuma. Genitore e bambino, con il supporto dell’educatrice, si ritrovano a piccoli gruppi nel pomeriggio, fuori dall’orario di apertura del Nido secondo un calendario stabilito e concordato, per realizzare, attraverso "il fare insieme", un progetto nell’ambito del precorso programmato.