Regione Toscana

Valutazione impatto ambientale (VIA)

Ultima modifica 30 gennaio 2019

La Valutazione di Impatto Ambientale [ V.I.A. ] si applica alle categorie di progetti individuati dalle direttive comunitarie di riferimento, dalla normativa statale D.Lgs. 152/2006 parte seconda.
Le opere soggette a V.I.A. sono numerose e di vario genere: strade, ferrovie, porti, aeroporti, insediamenti industriali, centrali per la produzione di energia elettrica, elettrodotti, oleodotti, gasdotti, ecc. Alcune tipologie di opere sono sottoposte a valutazione in ogni caso, mentre altre lo sono soltanto se superano determinate soglie dimensionali.
I progetti sono presentati da un soggetto pubblico o privato (proponente) ad un soggetto pubblico denominato autorità competente e che può essere, per quanto riguarda il territorio toscano: lo Stato, la Regione, la Provincia, il Comune o l'Ente Parco Regionale.
La Regione Toscana ha disciplinato le procedure di valutazione con la L.R. n. 10 del 12.02.2010 e s.m.i.

All'interno delle procedure di valutazione così come definite dal complesso della legislazione comunitaria, nazionale e regionale, oltre alla V.I.A. vera e propria è presente anche la verifica di assoggettabilità, una procedura che serve ad accertare se un determinato progetto debba o meno essere sottoposto alla procedura di V.I.A..

PROCEDURE IN CORSO 

PROCEDURE CONCLUSE

PROCEDURE DI V.I.A.

AUMENTO DELLE VOLUMETRIE ATTRAVERSO LA SOPRAELEVAZIONE DEL COLMO PER LA DISCARICA "TIRO A SEGNO" UBICATA IN LOCALITÀ NAVACCHIO NEL COMUNE DI CASCINA (PI) GESTITA DA ECOFOR SERVICE SPA

  • DOMANDA DI AVVIO PROCEDIMENTO
  • PROGETTO DEFINITIVO
    • Documento P01 Relazione tecnico descrittiva
      • Tavola P01-01 Planimetria di Stato Attuale – Rilievo gennaio 2016
      • Tavola P01-02 Sezioni di Stato Attuale – Rilievo gennaio 2016
      • Tavola P01-03 Planimetria di Stato Autorizzato
      • Tavola P01-04 Planimetria di Stato di Progetto
      • Tavola P01-05A Sezioni sovrapposte, Stato autorizzato – Stato di Progetto
      • Tavola P01-05B Sezioni sovrapposte, Stato autorizzato – Stato di Progetto
      • Tavola P01-06 Capping definitivo - Planimetria e Sezioni
      • Tavola P01-07 Sistemazione idraulica
      • Tavola P01 -08 Sezione tipo e particolari costruttivi
    • Documento P02 Relazione geotecnica
    • Documento P03 Recupero ambientale e inserimento paesaggistico
      • Documento P03-01 Relazione tecnica
      • Documento P03-02 Documentazione fotografica
      • Documento P03-03 Computo metrico
      • Tavola P03-RA01 Inquadramento territoriale: struttura del mosaico paesistico
      • Tavola P03-RA02 Planimetria generale di inserimento paesaggistico su ortofoto
      • Tavola P03-RA03 Planivolumetrico di recupero ambientale e inserimento paesaggistico
      • Tavola P03-RA04 Planimetria tecnica di recupero ambientale e inserimento paesaggistico
      • Tavola P03-RA05 Profili paesaggistici di progetto
      • Tavola P03-RA06 Dettagli tecnici di progetto
      • Tavola P03-RA07 Fotoinserimenti ANTE-POST
    • Documento P04 Specifiche tecniche
    • Documento P05 Computo metrico
  • STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE

PROCEDURE DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.I.A.

Ampliamento della cella monodedicata allo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto presso la discarica Tiro a Segno. Proponente: Ecofor Service spa

Il proponente Ecofor Service spa, ai sensi dell'art. 48 della L.R. n. 10/2010 e smi, ha chiesto alla Provincia di Pisa, quale autorità competente, l'avvio del procedimento di verifica di assoggettabilità alla Valutazione di Impatto Ambientale per il progetto di ampliamento della cella monodedicata allo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto presso la discarica Tiro a Segno nel Comune di Cascina.

I termini del procedimento, ai sensi dell'art. 48 comma 4 della L.R. 10/2010 e smi, sono decorsi dal 23.11.2011 data di pubblicazione sul BURT, da parte del proponente, dell'avviso del deposito della documentazione.

Chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e presentare entro 45 giorni dell'avvio del procedimento [entro il giorno 7.01.2012] eventuali osservazioni presso la Provincia di Pisa quale autorità competente.

Per il procedimento è stata convocata una Conferenza di Servizi che si terrà il giorno 22 dicembre 2011. 

La relativa documentazione è visionabile sul sito della Provincia di Pisa

Realizzazione di un impianto motoristico e strutture ricettive nel complesso Tenuta Isabella. Proponente: Pluris Servizi Immobiliari Integrati srl

Avvio del procedimento di verifica di assoggettabilità a V.I.A. (Valutazione Impatto Ambientale), ai sensi dell'art. 48 della Legge Regionale 10/2010 e ss.mm.ii., relativo a "Progetto per la realizzazione di un impianto motoristico e strutture ricettive in complesso Tenuta Isabella" presentato dalla società Pluris Servizi Immobiliari Integrati s.r.l. con sede in Roma.

Si rende noto che la società Pluris Servizi Immobiliari Integrati s.r.l., con sede in Roma, con nota acquisita al protocollo generale al n. 0005738 del 04.03.2014, ha comunicato l'attivazione della procedura di verifica di assoggettabilità alla V.I.A., ai sensi dell'art. 48 della L.R.T. 12 febbraio 2010 n. 10 e ss.mm.ii., del Progetto preliminare per la realizzazione di un impianto motoristico e strutture ricettive in complesso "Tenuta Isabella" posto a sud della frazione di Pardossi in Pontedera provvedendo al contestuale deposito presso questa Amministrazione della relativa documentazione costituente il progetto preliminare.

Tale documentazione è consultabile sul sito web della Provincia di Pisa

Ai sensi dell'art. 48 comma cinque della citata legge regionale chiunque può prendere visione del progetto depositato e presentare entro quarantacinque (45) giorni dalla data di pubblicazione sul B.U.R.T. da parte del Proponente dell'avviso di deposito della suddetta documentazione avvenuta in data 18.05.2011 e precisamente entro il 19.04.2014 eventuali osservazioni alla Provincia di Pisa quale autorità competente.

AVVISO PUBBLICO

Avviso pubblico di istanza di avvio del procedimento di verifica di assoggettabilità alla procedura di V.I.A.per l’apertura di una nuova cava di argilla in località Borgarello