Modulistica Pratiche Edilizie

Ultima modifica 18 agosto 2021

Dopo l'entrata in vigore del d.lgs 222/2016, con gli Accordi Stato, Regioni e Autonomie Locali del 4 maggio 2017, del 6 luglio 2017, del 22 febbraio 2018, del 17 aprile 2019 e del 25 luglio 2019 sono stati adottati i moduli unici nazionali in materia di attività commerciali e assimilate e in materia di attività edilizia.
Così come previsto dagli Accordi, la Regione Toscana ha provveduto ad adeguare nei termini i moduli unici nazionali alle specifiche normative regionali di settore con la Deliberazione della Giunta regionale n. 646 del 19 giugno 2017, con la Deliberazione n. 1031 del 25 settembre 2017 - e successivo  aggiornamento approvato con decreto dirigenziale n. 16086 del 7 novembre 2017 - con la Deliberazione n. 292 del 26 marzo 2018 - e successivo  aggiornamento approvato con  decreto dirigenziale n. 12345 del 30 luglio 2018 -  con la Deliberazione n.687 del 27 maggio 2019, con decreto dirigenziale di aggiornamento n. 13367 del 7 agosto 2019 e con Deliberazione della Giunta regionale n. 1250 del 14 ottobre 2019 ed il decreto dirigenziale di aggiornamento n. 999 del 27 gennaio 2020, n. 2434 del 21 febbraio 2020, n. 9698 del 2 luglio 2020, con i decreti dirigenziali di aggiornamento n. 252 e 253 del 13 gennaio 2021, n. 1413 del 2 febbraio 2021 e con Deliberazione della Giunta regionale n. 848 del 2 agosto 2021.

Modulistica unica regionale per le attività produttive e l'attività edilizia 

La modulistica unica in materia di attività commerciali e assimilate e la modulistica per gli interventi di edilizia non residenziale sono inserite nella banca dati regionale SUAP e rese disponibili attraverso il portale Sistema Toscano Servizi per le Imprese:

STAR - Sistema Telematico di Accettazione Regionale

Attenzione: per i moduli regionali compilabili elettronicamente può essere necessario salvare il file sul proprio PC prima di aprirlo.   

N.B.: Si ricorda all'utenza di presentare, in caso di nuove unità abitative, la "richiesta di attribuzione di numeri civici" presso l'Ufficio Anagrafe prima di presentare il modulo di "fine lavori"

Autorizzazioni allo scarico di acque reflue fouri fognatura pubblica

Autorizzazioni in deroga ai limiti sonori

La DCRT n. 77 del 22.02.2000, "Definizione dei criteri e degli indirizzi della pianificazione degli enti locali ai sensi dell'art. 2 della L.R. n. 89/98, Norme in materia di inquinamento acustico", prevede che lo svolgimento di attività temporanee per manifestazioni e cantieri edili, in deroga ai limiti di emissione sonora, sia subordinato al rilascio da parte dell'Amministrazione comunale di apposita autorizzazione, secondo le specifiche disposizioni contenute nella medesima Delibera per le quali si rimanda integralmente alla stessa.

  • Per semplificare le procedure amministrative con riduzione dei tempi istruttori, in attuazione delle disposizioni della citata DCRT n. 77 del 22.02.2000, sono state approvate con Determinazione n.438 del 06.06.2011:
  • le modalità per il rilascio delle autorizzazioni comunali in deroga ai limiti di emissione sonora per le attività temporanee per manifestazioni e cantieri edili o stradali;
  • la modulistica per la domanda di autorizzazione in deroga ai limiti di emissione sonora per le attività temporanee per manifestazioni e per i cantieri edili, costituita dai seguenti modelli di domanda:
    • domanda di autorizzazione all'emissione sonora temporanea per attività temporanee e manifestazioni in aree al di fuori di quelle destinate a spettacolo a carattere temporaneo;
    • domanda di autorizzazione all'emissione sonora temporanea per cantieri edili.
  • Domanda di autorizzazione per attività temporanee
  • Domanda di autorizzazione per cantieri edili
  • Modalità per il rilascio delle autorizzazioni