Regione Toscana

Autorizzazione all'esercizio dell'attività estrattiva

Ultima modifica 30 gennaio 2019

DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI CAVA E TORBIERA - L.R.T. 78 del 3 novembre 1998

Per attività di cava e torbiera si intende l'attività di escavazione finalizzata alla commercializzazione del prodotto escavato.

La Regione Toscana, con L.R. 78 del 3 novembre 1998 " Testo Unico in materia di cave, torbiere, miniere, recupero di aree escavate e riutilizzo di residui recuperabili", disciplina l'attività estrattiva delle sostanze minerarie appartenenti alla categoria cave e torbiere nonchè l'attività di ricerca e coltivazione dei minerali solidi e dei gas non combustibili appartenenti alla categoria miniere; favorisce ed incentiva altresì il recupero delle aree di escavazione dismesse e in abbandono ed il riutilizzo dei residui provenienti dalle attività estrattive e di quelli ad essi assimilabili derivanti da altre attività, anche al fine di minimizzare il prelievo delle risorse non rinnovabili.

La Regione, con il medesimo testo, delega, al Comune territorialmente competente, il rilascio delle autorizzazioni alla coltivazione di cave e torbiere.

 

PROCEDIMENTI IN CORSO:

PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DI UNA CAVA DI ARGILLA IN AREA ESTRATTIVA LOCALITA' BORGARELLO - CASCINA (PI)
(L.R. n. 35/2015 - D.P.G.R. n. 72/R/2015)

Proprietà : Donati Laterizi

 

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA POSTA IN LOCALITA' "LE MACINE" TITIGNANO - CASCINA (PI)

data ultimo aggiornamento: 20 GIUGNO 2018