Presentato il nuovo Piano Strutturale Comunale

A 10 anni dall’approvazione del Piano Strutturale il Comune di Cascina inizia un percorso per la realizzazione del nuovo strumento. Il Piano Strutturale è lo strumento di governo del territorio che definisce e indica lo sviluppo di Cascina dei prossimi anni. Con questo strumento urbanistico l’Amministrazione comunale interviene per pianificare le trasformazioni ma anche per raccordare le politiche di sviluppo alle politiche per il territorio. L’ambito culturale e programmatico su cui si muove il Piano Strutturale è quello dello sviluppo sostenibile: un modello di crescita sociale, economica e culturale che valorizzi il patrimonio delle risorse territoriali e ambientali e lo consegni integro alle generazioni future. Queste le scelte di fondo: la città dei servizi; l’identità del territorio aperto e la valorizzazione del patrimonio economico; la mobilità come incontro tra culture e come accessibilità ai servizi; la coerenza tra le scelte del governo del territorio e le politiche di settore di livello comunale e zonale (economia e paesaggio, qualità dell’abitare e salute, accoglienza come opportunità).

"Questo Piano Strutturale caratterizzerà il futuro di Cascina nel segno dello sviluppo e della sostenibilità ambientale - sottolinea il sindaco di Cascina Moreno Franceschini -: occorre inquadrare lo sviluppo di cascina all’interno del Piano Strategico dell’Area Pisana (mobilità, innovazione, attività artigianali e commerciali, etc.), valorizzando la programmazione e lo sviluppo sostenibile che riguarda 200 mila abitanti. Nel contempo per quanto riguarda il territorio comunale si provvederà esclusivamente al recupero del patrimonio esistente senza programmare ulteriore consumo di territorio (ad esclusione di quanto previsto e non ancora utilizzato dal piano strutturale approvato nel 1997)". "Il progetto vedrà un lungo percorso dovuto alla contemporaneità con l’avvio della gestione e la modernizzazione dell’attuale Piano Strutturale, che in futuro produrrà elementi positivi - spiega l’assessore all’Urbanistica del Comune di Cascina Alessio Antonelli -. Ad esempio, in occasione dell’avvicendamento di amministrazione, in un contesto di continuità, sono stati inseriti nuovi contenuti e approfondite le priorità (che continuano essere la crescita culturale ed economica, vedi la costruzione delle nuove scuole, San Frediano e Cascina, e i nuovi insediamenti produttivi, economici e artigianali). Inoltre - aggiunge - il passaggio della nuova legge regionale, che abbiamo voluto considerare come una opportunità, ci ha portato ad arricchire il lavoro e a rileggere le scelte fatte in una prospettiva di qualità e di necessità di identità nuove per una città che guarda al futuro".

Questi i temi principali sviluppati dal Piano Strutturale:

Economia ed identità del paesaggio - L’esigenza di valorizzare il legame tra risorse paesaggistiche e produttività del territorio, incentivare le attività artigianali, orientare le scelte dei regolamenti urbanistici in modo da favorire l’interazione tra paesaggio e rete dei valori storico culturali (emergenze paesaggistiche, edifici storici) e tra produzione e trasformazione dei beni. Tutela del territorio aperto e del patrimonio ambientale tramite la valorizzazione delle potenzialità economiche compatibili e la promozione della residenzialità come presidio per il territorio. Valorizzazione del paesaggio e delle produzioni tradizionali del territorio. Sviluppo nel territorio e della sua economia col sostegno alle attività produttive e commerciali, e del centro storico come ‘Centro Commerciale Naturale’.

Turismo - E’ la grande scommessa di sviluppo. Centri nevralgici nel territorio di Cascina sono il centro storico e le frazioni storiche.

Sostenibilità – governare il policentrismo e contrastare la diffusione insediativi  a macchia (va assunto il concetto di città compatta per ridisegnare i centri urbani verso forme più compiute e adeguatamente dotate di spazi verdi e servizi), riorganizzare i sistemi di mobilità, riqualificare e potenziare la viabilità che va resa sicura ridurre l’impatto negativo del traffico veicolare, migliorare la sicurezza delle strade, potenziare la rete delle piste ciclabili, valorizzare il trasporto pubblico locale;

La qualità dell’abitare e la salute - L’ambito sociale ed il governo del territorio contribuiscono in modo determinante al miglioramento del welfare locale. Sostegno alle famiglie che si vanno formando e risposta alla domanda di salute e benessere attraverso la costruzione di presidi sanitari, scuole, centri per la socializzazione, centri sportivi.

L’accoglienza come opportunità - Accoglienza ed integrazione dei cosiddetti migranti.

La tecnologia, il sapere e la scuola - Presenza del Polo Scientifico e Tecnologico di Navacchio al quale di recente si è aggiunto il terzo lotto. La presenza di due istituti di istruzione superiore collegati con le università.

Il territorio aperto – tutela del patrimonio ambientale e storico tramite la valorizzazione delle potenzialità economiche compatibili. A questo proposito si prevede anche la valorizzazione del paesaggio e delle produzioni tradizionali del territorio.

Qualità urbana, cura delle persone e comunità solidale - Gli spazi della relazione e l’accessibilità ai servizi, la valorizzazione delle attività commerciali e terziarie, il recupero come forma privilegiata di trasformazione; impegno ad azioni di rigenerazione sociale ed architettonica dei tessuti consolidati, privilegiando interventi di recupero di aree con caratteristiche di incoerenza funzionale rispetto all’attuale struttura insediativa; e ancora, una progettazione attenta alle esigenze dei bambini e degli anziani, cioè un governo del territorio attento alle esigenze di tutti i cittadini, con particolare attenzione alle fasce di età più vulnerabili e alle esigenze di chi viene da luoghi lontani ed è portatore di una cultura diversa (verso una comunità solidale).



 

Uffici

Macrostruttura Governo del Territorio
Responsabile P.O.A: Dott.ssa Rosa Priore

URBANISTICA e SIT
Via Tosco Romagnola, 199
Orario di apertura al pubblico:
Martedì 9.00-13.00 e 15.00-17.00

URBANISTICA
Fax: 050719395
Responsabile di servizio: Arch. Alice Lenzi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel: 050719327
per appuntamenti Tel: 050719326

Istruttore Tecnico Arch. Chiara Turini
Tel: 050719293
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Istruttore Tecnico Arch. Cristina Donati
Tel: 050719285
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Istruttore Amm.vo Geom. Giorgio Coradeschi
Tel 050719326
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SIT
Responsabile di servizio: Arch. Davide Tonelli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel: 050719270
Fax: 05071939