Consiglio Comunale

Il Consiglio Comunale è organo di governo del Comune insieme alla Giunta ed al Sindaco ed è il massimo organo rappresentativo della comunità locale.

Il Consiglio Comunale di Cascina è composto da 24 membri oltre al Sindaco; la durata in carica è di cinque anni.

È l’organo di indirizzo e controllo politico-amministrativo dell’ente locale (art. 42 d.lgs 18-08-2000  n. 267 TUEL) ed è espressione delle istanze della comunità locale che rappresenta nonché interprete permanente della volontà popolare.

La funzione di indirizzo consiste nella partecipazione del Consiglio alla definizione delle finalità politico-amministrative dell’ente costituendo i criteri guida dell’azione politica e gestionale del Comune che, di fatto, vincolano il Sindaco, gli Assessori, i dirigenti e i responsabili dei servizi, nell’ottica della buona amministrazione  e del perseguimento dell’interesse della comunità locale.

La funzione di controllo si concretizza nel monitoraggio dell’attività degli organi politici e burocratici al fine di accertarne la congruità all’indirizzo politico-amministrativo.

Al Consiglio Comunale competono gli atti fondamentali di indirizzo, programmazione, pianificazione, controllo e verifica. Riguardano sinteticamente: lo statuto e i regolamenti,  i programmi, le relazioni previsionali e programmatiche, i piani finanziari, i programmi dei lavori pubblici, i bilanci annuali e pluriennali, il rendiconto, i piani territoriali urbanistici, le convenzioni con i Comuni, la partecipazione dell’ente locale alle società di capitale, l’istituzione e l’ordinamento dei tributi.

La competenza del Consiglio Comunale non è di carattere generale ma risulta limitata ad alcuni atti essenziali per la vita ed il funzionamento del Comune: rispetto a tali atti, la competenza consiliare è inderogabile, esclusiva e tassativa.

I Consiglieri Comunali rappresentano l’intera comunità ed esercitano la loro funzione senza vincolo di mandato. Hanno diritto di iniziativa su ogni questione sottoposta alla deliberazione del Consiglio e sono titolari dei poteri di sindacato ispettivo attraverso la possibilità di presentare interrogazioni e interpellanze, nonché propositivo mediante la formulazione di mozioni e ordini del giorno. Costituiscono i Gruppi Consiliari.

Il Consiglio Comunale è rappresentato dal Presidente che è garante dell’applicazione del Regolamento, della chiarezza delle relazioni tra maggioranza ed opposizione e delle prerogative e dei diritti dei singoli consiglieri; al Presidente del consiglio sono attribuiti, tra gli altri, i poteri di convocazione e direzione dei lavori e dell’attività del consiglio.

Il Consiglio gode di ampia autonomia organizzativa, funzionale, gestionale e contabile. È dotato di apposito Regolamento.

Il Regolamento prevede l’istituzione di Commissioni Consiliari Permanenti con funzioni consultive e propositive.