26-30 SETTEMBRE - C'è il festival La città dei bambini

Visite: 466

Si svolgerà dal 26 al 30 settembre 2018 la prima edizione de “La città dei bambini”, il festival di teatro, musica e circo per bambine e bambini organizzato dalla Città del teatro di Cascina e dal Comune di Cascina. Cinque giorni di letture animate, laboratori, atelier, spettacoli durante i quali i bambini potranno esprimere liberamente la loro creatività ed avvicinarsi al teatro, alla musica, alla danza, alla lettura. Il festival si rivolge ai bambini e alle bambine tra gli zero e i sei anni ed è completamente gratuito. La Città del teatro di Cascina aprirà i suoi spazi, le sue sale, con spettacoli e produzioni della Fondazione Sipario Toscana e i bambini potranno giocare e sperimentarsi con le arti performative.

«La qualità dei servizi che offre il teatro deve essere apprezzata anche dalla più tenera età -dice Leonardo Cosentini, assessore alla cultura di Cascina- per questo daremo la possibilità di vivere il teatro ai bambini e alle loro famiglie, per farlo conoscere e apprezzare. Ringrazio la Città del teatro per il lavoro che ha svolto. Oltre agli spettacoli ci sarà la possibilità anche di parlare di sicurezza per i bambini, in particolare di pronto soccorso pediatrico, con l'Associazione salvamento toscana. La nostra aspettativa è di poter riproporre il festival anche in futuro, per far sì che Cascina continui ad essere la città dei bambini».

 Ammirati Cosentini

Antonia Ammirati e Leonardo Cosentini

 

«Ringrazio l'Amministrazione comunale e tutti i lavoratori e i dipendenti del teatro per il lavoro che abbiamo portato avanti durante questa estate affinché il festival potesse essere realizzato -aggiunge Antonia Ammirati, presidente della Città del teatro- fare teatro per i bambini fa parte della nostra mission, e ci rivolgiamo in particolare a quelli piccolissimi e a quelli in età prescolare, perché anche per loro è importante saper ascoltare i grandi autori, come Calvino e Rodari, e cominciare a formarsi una propria idea critica. Il buon teatro è uno strumento che può aiutarli a crescere».

 Gruppo

Da sinstra: Matteo Arcenni (consigliere Fondazione Sipario Toscana), Luca Marengo (direzione artistica), Antonia Ammirati (presidente), Raissa Brighi (direzione artistica), l'assessore Leonardo Cosentini, Paolo Cognetti (direttore amministrativo Fondazione).

 

«Ci ha mosso l'idea di aprire il teatro e di riempirlo di attività di senso – spiega Raissa Brighi, che insieme e Luca Marengo cura la direzione artistica della Città del teatro- per rilanciare anche la nostra attività di formazione. Il filo rosso che unisce il festival è l'interazione, la partecipazione attiva dello spettatore alla rappresentazione teatrale. Ecco perché tutte le produzioni hanno una parte in cui i bambini parteciperanno attivamente, Come nello spettacolo “Shhh! We have a Plan!”, in lingua inglese. Ci saranno laboratori e spettacoli dedicati alla costruzione di strumenti musicali, alla danza, ci saranno angoli in cui i bambini potranno essere protagonisti e raccontare le loro storie».

 

«Nei giorni del festival -aggiunge Luca Marengo- andranno in scena spettacoli come “Farfalle” della compagnia teatrale TPO, che parla della vita della farfalle dalla loro nascita, dove i bambini vivranno in prima persona una esperienza sensoriale fatta di suoni, luci, colori, immagini e danza; Escargot, della compagnia teatrale del Piccione, dove seguendo la storia di una chiocciola il tema della casa sarà declinato sia come focolare domestico sia come luogo di passaggio e di arrivo e continuo cambiamento; Little bang, della compagnia teatrale Riserva Canini, uno spettacolo sulle origini dell'universo nato dalle domande dei bambini».

 

In allegato il programma del festival.

 

Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2018

Attachments:
Download this file (Lacittàdeibambini_festival2018_def_rev030918.pdf)Programma La città dei bambini 2018[pdf]395 Kb
Categoria
News