10 FEBRRAIO - Cascina celebra il Giorno del Ricordo

Visite: 126

Il Comune di Cascina, con la collaborazione del Liceo artistico “Russoli” e la Fondazione Sipario Toscana, celebra la Giornata del Ricordo, per ravvivare la memoria della tragedia delle foibe, delle vittime e dei sopravvissuti dell’esodo istriano-giuliano-dalmata.

Sabato 10 febbraio 2018 il programma prevede tre iniziative, due al mattino, una la sera, che si svolgeranno in Municipio, presso la Sala Consiliare, presso il pian terreno dell’ex Palazzo pretorio, e alla Città del Teatro e della Cultura.

 

Il primo appuntamento, introdotto da Susanna Ceccardi, Sindaco di Cascina, da Luca Nannipieri, Assessore alla cultura e all’istruzione, e da Gabriella Giuliani, dirigente scolastico del liceo artistico “Russoli”, è fissato alle ore 10 presso la sala consiliare del municipio (corso Matteoti 90) con un incontro pubblico incentrato su due interventi. Il primo sarà dedicato al tema “Il dramma del confine orientale italiano, tra foibe ed esodo. Brevi cenni storici” ed è tenuto da Federico Ciavattone, storico contemporaneo, docente del liceo artistico “Russoli”. A seguire interverrà Agata Mirabella, docente, responsabile del progetto e curatrice delle letture di documenti riguardanti la tragedia delle foibe e dell’esodo istriano-giuliano-dalmata, con la collaborazione degli alunni delle classi IA e IIIB del Liceo Artistico.

 

A seguito, alle 11,30 presso Palazzo dell’ex Pretura (adiacente al Palazzo ci sarà l’inaugurazione della mostra d’arte sul dramma delle foibe e dell’esodo dal titolo “Identità Violata” preparata e curata dai docenti e gli alunni del Liceo Artistico “Russoli” di Cascina. Hanno collaborato alla formazione e alla realizzazione delle opere i professori Elisa Borghetti, Roberto Brunetti, Andrea Ciampini, Paola Corci, Fabio Leonardi con gli alunni delle classi IA, IIIA, IIIB, VC del Liceo Artistico “Russoli” di Cascina.

 

Infine, in serata, alle 21, alla Città del Teatro (via Tosco Romagnola 656 a Cascina), ci sarà lo spettacolo “Radio Trieste. 1945: i giorni dell’esodo e delle foibe” di e con *Martina Benedetti*, regia Francesco Tammacco.

 

Inoltre alle scuole viene consigliata la proiezione del documentario sulle testimonianze della foiba di Basovizza (monumento nazionale).

Categoria
News